logo Coro Polifonico Cremonese  

Storia Direttore
It Fr Uk De

 

    Dall’ottobre 2003 il Coro è diretto dal Maestro Federico Mantovani

con il quale l’attività del complesso prosegue sia nella direzione dell’educazione musicale e della diffusione del repertorio corale anche nei centri della provincia, non facilmente raggiungibili dai normali circuiti, sia nello studio e nell’esecuzione di importanti opere sinfonico – corali.

   Numerosi progetti hanno sottolineato, nel corso del 2008, i quarant’anni del Coro: tra questi il concerto in Cattedrale, con l’esecuzione dello Stabat Mater di A. Dvořák, preparato da incontri di approfondimento musicale, ma anche teologico e letterario, e la pubblicazione di un volume che raccoglie fatti e riflessioni sulla storia del Coro, insieme a testimonianze e contributi di studio. Invitato dal Teatro Ponchielli ha eseguito, a chiusura della Stagione Lirica e come apertura della Stagione Concertistica, la Messa di gloria di Puccini, nel 150° anniversario della nascita. 

      Fra le manifestazioni musicali dell’anno 2007 assumono particolare significato quelle nell’ambito del IX Centenario della Cattedrale di Cremona: l’esecuzione della Cantata Pater Pauperum, composta dal Maestro Mantovani e dedicata al Santo Patrono Omobono, e l’inaugurazione dell’altare restaurato di S. Michele.

     Numerose nel medesimo anno le esecuzioni della Petite Messe Solennelle di Rossini: di particolare prestigio quella di Alaquàs (Spagna) nell’ambito del gemellaggio siglato dal Comune di Cremona con la città spagnola. Nello stesso anno ha eseguito nella Cattedrale di Cremona, con grande successo di pubblico e di critica, Ein Deutsches Requiem di Brahms, accompagnato dall’Orchestra Filarmonica di Verona. Nel 2006, con il Requiem di Mozart, inserito nel cartellone del Festival Terre d’Acqua e nella Rassegna Musica di fine estate, ha celebrato il 250°della nascita di Mozart (concerti a Viadana, Pandino e nella Cattedrale di Cremona).

    Un laboratorio di vocalità con grande adesione di partecipanti, realizzato col sostegno del Centro di Musicologia “W. Stauffer” e diverse uscite in provincia hanno siglato, per l’anno 2004, l’impegno del Coro e del suo direttore nell’ambito della formazione e della diffusione della musica; in occasione della Pasqua è stata eseguita la Passione secondo S. Marco di Perosi insieme ad una composizione che il Maestro Mantovani ha dedicato al Coro. Nel 2005 un programma originale, con prime esecuzioni assolute su testi di Francesco Petrarca, ha concluso le celebrazioni per il 5° Centenario della nascita del poeta.

   Un decennio con H. Raúl Domínguez 

Dal gennaio 1993, in seguito alla rinuncia di Mons. Dante Caifa, e fino al settembre 2003, la direzione è stata affidata al maestro argentino Raúl Domínguez, le cui scelte artistiche hanno aperto al Coro nuove prospettive, con l’accostamento anche ad autori dell’Ottocento e del Novecento, quali Frank, Bruckner, Brahms, Saint Säens, Fauré, Strawinsky, Ives, Britten, Janacek, Respighi, Duruflé, autori poco consueti per un coro amatoriale. Tra le più significative esecuzioni cremonesi di questi anni si ricordano l’Oratorio di Natale di Bach (1993), la Messa di Stravinsky (1994), il Requiem di Fauré (1995), il Requiem di Mozart (1996), l’Oratorio Messiah di Händel in versione integrale e la Sinfonia dei Salmi di Stravinsky (1998), la Messa in Do di Beethoven (1999), e Ein Deutsches Requiem di Brahams (2000) e la Creazione di Haydn (2002).       

       Il Coro ha, inoltre, proficuamente collaborato con altre importanti realtà del mondo musicale cittadino; con il Gruppo Musica Insieme per il programma Stravinsky e la Rassegna Spazionovecento (1994 e 1998) e con la “Schola Gregoriana” di Antonella Soana Fracassi per il concerto di canto gregoriano e polifonia, dedicato a Palestrina e Di Lasso (1994). Per due anni, in cooperazione con l’Amministrazione Provinciale e il Comune di Cremona, il Coro Polifonico ha proposto alla cittadinanza, in particolare a studenti e giovani, un “laboratorio di canto corale” condotto con interventi didattici, nella prospettiva di uno spettacolo conclusivo. L’opera Carmina Burana di Orff (Teatro Ponchielli di Cremona, 1996) e l’oratorio Le Roi David di Honegger (Cattedrale di Cremona, 1997) hanno rappresentato il frutto delle due “edizioni”. 

        In collaborazione con il Teatro “Ponchielli” di Cremona e l’Orchestra “I Pomeriggi Musicali”, ha presentato un concerto dedicato a Giuseppe Verdi nella ricorrenza centenaria (2001) e la Messa Solenne, di Ponchielli, in prima esecuzione moderna (2002).

Alla fine del 1992 Don Dante Caifa di dimette da direttore.  (Leggi...)

   25 anni con il primo Direttore, don Dante Caifa

Costituitosi in associazione culturale nel 1984, alle manifestazioni propriamente musicali ha affiancato, in collaborazione con enti pubblici e istituzioni cittadine, iniziative culturali, quali la Mostra Documentaria in Battistero (1989), dedicata alla musica e ai musicisti del Duomo di Cremona dal XV secolo al secolo XVII, corredata di un catalogo contenente saggi specifici, e gli Annali della Cappella delle Laudi del Sabato dal 1596 al 1666.
Nella sua lunga attività, ha dato vita a due appuntamenti annuali, i concerti di Natale e di Pasqua in Cattedrale, molto apprezzati dal pubblico, nei quali, accanto al repertorio propriamente liturgico – Messe, Mottetti e Responsori – figurano pezzi di ispirazione religiosa quali Stabat Mater e Magnificat di G.B. Pergolesi, Gloria di A. Vivaldi, Stabat Mater di G. Rossini, Magnificat dal Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi, Magnificat di J.S. Bach. A queste esecuzioni hanno partecipato in qualità di solisti Adriana Anelli, Leo Nucci, Myriam Gauci, Mario Bolognesi, Giusy Devinu, Carlo Zardo, Gastone Sarti, Orazio Mori, Marilyn Turner, Laura Groppi, Masako Tanaka Protti, Natascia Sevastianova, Ilaria Geroldi, Marina Morelli.
        Numerosissime le esecuzioni musicali, alcune in occasioni prestigiose: il concerto polifonico nella Basilica dei SS. Cosma e Damiano in Roma, nel 1982; quello inaugurale del Festival di musica sacra a Caen, in Normandia, nel 1985, il concerto Monteverdiano tenuto a Cremona, in S. Marcellino, lo stesso anno ; i concerti eseguiti nel 1986 nella Basilica di S. Marco a Milano e nella Chiesa della Pace a Brescia e la partecipazione alla stagione concertistica ad Alba, nel 1992.
       Nel 1987 ha inciso un disco comprendente brani di polifonia classica e Stabat Mater, composizione contemporanea di Angelo Campori. L’incisione, resa possibile grazie al contributo dell’Amministrazione Provinciale di Cremona, è stata positivamente recensita sulla rivista Musica nell’agosto del 1988.
        Con la scuola di Paleografia Musicale di Cremona e la Fondazione “W. Stauffer” ha realizzato nel novembre del 1992 un’importante manifestazione musicale e culturale per celebrare degnamente Marc’Antonio Ingegneri nel quarto centenario della morte. Con una giornata di studi condotta da musicologi di altissimo livello, e con due momenti musicali si è consegnata alla Città di Cremona la memoria di un autore insigne, che ebbe anche il merito di avviare la formazione di Claudio Monteverdi.